Fatro - Cefaximin L Uso Intramammario Pomata 12 Tubosiringhe 5 Ml + 12 Salviette

  I prezzi si intendono IVA esclusa
Cod. 00008111    MIN: 101715050    MINSAN: 101715050    GTIN: 08007220400315

Cefaximin L Uso Intramammario Pomata 12 Tubosiringhe 5 Ml + 12 Salviette

Qt. Imballaggio: 10 pz
Iva: 10%
Disponibilità:
€ 90,000 € 47,628 cad.
Iva: 10%
Denominazione: Cefaximin-l Pomata Intramammaria

Categoria: Antibatterici per uso intramammario. Associazioni.

Principi attivi: Cefacetrile sodico 200 mg (pari a cefacetrile 187,8 mg); rifaximina 100 mg.

Eccipienti: Q.b. a 5 ml.

Forma farmaceutica: Siringa Monodose

Contenitore: Pomata Intramammaria

Specie di destinazione: Bovini, bufalini.

Indicazioni: E' indicato nel trattamento delle mastiti cliniche e subcliniche (acute, subacute e croniche) di bovine e bufale in lattazione sostenute da patogeni sensibili alla rifaximina e al cefacetrile, in particolare: stafilococchi (Staph. aureus, compresi i ceppi penicillino-resistenti, Staph. epidermidis), streptococchi (Str. agalactiae, Str. uberis, Str. dysgalactiae, Str. zooepidemicus), actinomiceti (A. pyogenes), colibacilli (E. coli), enterococchi (E. faecalis).

Controindicazioni: Non usare in caso di ipersensibilita' accertata ai principi attivi o ad uno qualsiasi degli eccipienti.

Effetti indesiderati: Nessuno segnalato.

Impiego durante la gravidanza, l'allattamento o l'ovodeposizione: Puo' essere usato durante la gravidanza e l'allattamento.

Interazione con altri medicinali veterinari ed altre forme d'interazione: Nessuna conosciuta.

Posologia e via di somministrazione: Una siringa intramammaria/quarto da ripetere eventualmente a distanza di 12 ore in base al tipo di mastite, per un totale di 2 somministrazioni in 24 ore. Prima di effettuare il trattamento si consiglia di mungere a fondo i quarti infetti e di detergere i capezzoli (in particolare l'orifizio) con le apposite salviette monouso accluse alla confezione. Togliere la protezione della cannula della siringa intramammaria per l'inserimento parziale, mentre per la somministrazione completa e' necessario rimuovere anche il cilindretto parzializzatore. Introdurre la cannula nel dotto del capezzolo ed iniettare l'intero contenuto della siringa intramammaria. Sfilare la cannula, afferrare con le dita di una mano l'estremita' del capezzolo e con il pollice e l'indice dell'altra mano spingere con delicatezza verso l'alto il prodotto contenuto nel dotto del capezzolo stesso. Massaggiare quindi con delicatezza con entrambe le mani il quarto spingendo sempre verso l'alto, per far diffondere uniformemente il prodotto in tutta la cisterna. Il sistema Twinsert permette sia il parziale che il completo inserimento della cannula della siringa intramammaria nel canale del capezzolo a seconda delle esigenze dell'operatore. Il trattamento antimastitico tramite un parziale inserimento della cannula nel canale del capezzolo permette di ridurre l'insorgenza di nuove infezioni mammarie. Infatti, l'inserimento completo della cannula dilata lo sfintere del capezzolo facilitando l'ingresso dei batteri e, nello stesso tempo, puo' trasportare i batteri presenti nello strato di cheratina, che ricopre il dotto del capezzolo, direttamente nella cisterna del capezzolo. Nel parziale inserimento, la cannula entrando solo per pochi millimetri nel canale del capezzolo, evita la dilatazione dello sfintere, la distruzione dello strato di cheratina ed inoltre deposita l'antibiotico anche lungo il canale del capezzolo. In bovine molto nervose, quando ci sono lesioni al capezzolo o in altre situazioni particolari, l'inserimento completo della cannula puo' risultare piu' agevole.

Sovradosaggio (sintomi, procedure d'emergenza, antidoti) se necessario: Se possibile, il medicinale dovrebbe essere usato in base ai risultati dell'antibiogramma. L'utilizzo improprio del prodotto puo' condurre ad un aumento della prevalenza dei batteri resistenti alla rifaximina e al cefacetrile. Precauzioni speciali per chi somministra il prodotto: le persone con nota ipersensibilita' ai principi attivi o ad uno qualsiasi degli eccipienti devono evitare contatti con il medicinale veterinario. Non ingerire. In caso di ingestione accidentale, rivolgersi immediatamente ad un medico. Incompatibilita': in assenza di studi di compatibilita', questo medicinale veterinario non deve essere miscelato con altri medicinali veterinari.

Tempo di attesa: Carne, visceri: 5 giorni. Non utilizzare a scopo alimentare le mammelle degli animali trattati. Latte: 144 ore (12 mungiture).

Conservazione: Non conservare a temperature superiori ai 25 gradi C. Conservare al riparo dalla luce e lontano da fonti di calore.